All’inizio di tutto la lingua materna

All’inizio di tutto la lingua materna

A cura di Eva Maria Thüne
Rosenberg & Sellier
1998

 

Le identità nazionali si frammentano in identità infinitamente più numerose e più piccole. Gli scambi sono sempre più frequenti e più veloci. Questo doppio aspetto della realtà pone la questione del radicamento nel parlare. Ritorna viva la domanda di Hannah Arendt: che cosa resta? E la risposta del nostro libro è -seppure per motivi storici completamente diversi- simile alla sua: resta la lingua materna. Il radicamento della lingua materna è la risposta a questioni rispetto alle quali è fallita sia una politica di tutela delle minoranze linguistiche, sia uno stile di pensiero astrattamente cosmopolita. il libro attraversa questi temi considerando anche le esperienze di chi abita più lingue.

image_pdfimage_print